I 400 colpi

Regia di François Truffaut
venerdì 31 Luglio - Ore 21.00 Giardino del Cinema Turroni, Oderzo TV
I 400 colpi di Francois Truffaut
I 400 colpi - Film in rassegna
venerdì 31 Luglio, ore 21.00
Giardino del Cinema Turroni, Oderzo TV

Titolo: I 400 colpi

Genere: Drammatico

Anno: 1959

Nazionalità: Francia

Regia: François Truffaut
L'ingresso è libero per tutti, sarà consentito fino all'esaurimento dei posti disponibili e sarà regolamentato secondo le normative vigenti (vedi fondo pagina). In caso di maltempo la serata verrà annullata o, se possibile, spostata al venerdì successivo.

Antoine Doinel è un vivace quattordicenne che vive con i genitori in un piccolo appartamento di Parigi. Incompreso dalla famiglia e dagli insegnanti, incapaci di interpretare i bisogni affettivi e le inquietudini tipiche dell’adolescenza, il ragazzo si fa notare per la sua irrequietezza, lo scarso profitto e per gli scherzi che combina, tanto che finisce, in molte occasioni, per diventare il capro espiatorio di marachelle altrui.

Le sue azioni sono un mezzo, non sempre consapevole, per attirare l’attenzione degli adulti e per protestare contro la loro insensibilità e la loro ostilità. Il solo conforto alla sua solitudine è l’amicizia col coetaneo Renè, con cui marina frequentemente la scuola andando al cinema, nei parchi parigini o al Luna Park.

Una serie di episodi e di incomprensioni portano Antoine al riformatorio, abbandonato a se stesso il giovane manifesta una continua malinconia che gli farà decidere per una fuga rocambolesca verso il mare. Quel mare che tanto ha sognato.

Presentato a Cannes, lo stesso anno, dove vinse il premio per la Migliore Regia, il film è il manifesto della Nouvelle Vague francese. Primo lungometraggio di Truffaut, a tratti divertente e spesso commovente, è un inno alla libertà, ai sogni, alle illusioni e anche all’innocenza rubata di una adolescenza che a stento fatica ad affacciarsi all’età adulta.

Antoine è il cugino di Holden, come lui vaga in giro per la città, che lo ospita ma non lo difende, come lui scappa, sempre in fuga, sempre di corsa, come del resto farà anche Zazie, ma sempre con una luce di speranza negli occhi. I sui sogni restano anche quando di fronte al mare osserva la cinepresa con uno sguardo di dolore, un dolore importante per varcare la soglia dell’età matura.

Le sue avventure hanno il sapore di un mondo finito, di qualcosa di passato incapace di tornare e in lui resta l’ambiguità di un futuro incerto.
La critica alla famiglia, alla scuola assente, alle istituzioni preposte alla rieducazione dei ragazzi è incisiva, anarchica, feroce seppur irriverente. In quegli anni il mondo, a livello culturale, politico ed economico è in fermento, ma ad Antoine sembra essere escluso qualsiasi inserimento. 

Fonte: Cineteca di Bologna

Guarda tutto il programma del cinema all’aperto sul nostro blog

Misure di sicurezza per l’accesso al giardino

L’ingresso è libero per tutti, sarà consentito fino all’esaurimento dei posti disponibili e sarà regolamentato secondo le normative vigenti.

Inoltre:

  • sarà presente un igienizzatore per le mani all’ingresso;
  • sarà separato il flusso d’ingresso rispetto a quello d’uscita;
  • sarà obbligatorio indossare la mascherina entrando e uscendo;
  • sarà garantito il distanziamento dei posti a sedere;
  • potrà essere rilevata la temperatura corporea all’ingresso;

In caso di maltempo la serata verrà annullata o, se possibile, posticipata al venerdì successivo. Per qualsiasi domanda o informazione scrivici a info@enricopizzuti.it o chiamaci al numero 349.8439043.

Giardino del Cinema Turroni
Via Garibaldi 43, 31046 Oderzo TV